Giovedì, Aprile 18, 2024

Sestogrado

Multipitch

Ancora novità da Rocca del Duc

simonaUna nuova via è stata risistemata e terminata in questo caldo agosto. Si tratta della via SIMONA E DOMANI alla Rocca del Duc.

Aperta dal basso da Massimo e Roberto Canina negli anni'80 nei primi 2 tiri. Richiodata e terminata dal basso da Massimo Crespo e Alberto Fantone nell'agosto 2012.

 

Nuova via a Rocca del Duc

fantomasAnche Rocca del Duc, presso Oncino in valle Po, ha la sua nuova via a più tiri. Si tratta di "Seghe con la Luna", aperta dal basso da Alberto Fantone, Gianluca Bocca e Mario Brovia ad inizio agosto.

La via è lunga 150m circa con difficoltà massima di 7a e 6a+ di obbligatorio. Per tutte le altre info date un'occhiata alla dettagliatissima RELAZIONE, redatta da uno degli apritori.

   

Nuova via su Rocca la Meja


eppure

M.Bernini, M.Piras e S.Aragno hanno dato vita ad una nuova via su Rocca la Meja dal nome "Eppure il vento soffia ancora".

Oltre duecento metri di via per 7 tiri complessivi fino al 6c/+ massimo con un obbligatorio di 6b.

Per tutti gli altri dettagli date un'occhiata alla RELAZIONE ed un grazie come sempre agli apritori.

   

Arrampicare al Rif.Laus

vallonettoDanilo Collino ci presenta una bella relazione con tutte le vie di arrampicata classiche e moderne nei dintorni del Rifugio Laus, in alta Valle Stura. Le vie moderne si sviluppano per di più sulla Testa del Vallonetto e hanno difficoltà abbordabili per tutti.

Un posto ottimo per muovere i primi passi sulle vie a più tiri in un ambiente favoloso.

All'interno del documento potete trovare anche un paio di itinerari classici nella zona e la falesietta di arrampicata vicino al Rifugio.

ARRAMPICARE AL LAUS

   

A....Vale: nuova via sul Corno Stella

a valeSi chiama “A… Vale” la nuova via aperta da Orazio Pellegrino, Ivo Barbarito e il francese Jean Luc Toesc ed è dedicata alla sorella di Orazio, Valeria, scomparsa a maggio 2011.
La via si sviluppa sulla parete Sud Ovest (settore sinistro della nuova guida) per circa 90 metri attraversando poi ancora a sinistra per raggiungere la terrazza inclinata dello Spigolo Inferiore. Di qui la via sale sulla parete Nord-Est.

Valutazione complessiva TD+ / ED-, 6b obbligatorio.

La via è tutta attrezzata a spit inox con catene alle soste tranne la S4 con cordone bianco. Lunghezza 170 metri. E’ possibile scendere in doppia per la via. Attenzione alla S4, rinviare scendendo (traverso). Utile una sola mezza corda da 60 metri perché tutte le lunghezze sono al massimo 30 metri e 10 rinvii.
Prestare un po’ di attenzione alle lunghezze sulla parete nord. Qualche blocco instabile all’uscita che non è stato possibile staccare al momento dell’apertura per pericolo alle altre cordate.
Itinerario molto verticale su ottima roccia.

https://www.cuneoclimbing.it/relazioni/multipitch/a_vale.pdf

Non sono stati inserite le difficoltà sui singoli tiri perchè gli apritori non hanno ancora potuto ripetere la via, ma sono stati proprio loro, nella persona di Orazio, ad invitare voi tutti ad andare a ripeterla. Una ghiotta occasione per toccare con mano la verticalità della parete nord del "Corno".

   

Mongioie,le vie di Valente e Rizzo

mongioieM.Valente e C.Rizzo, dopo la via Trial realizzata nell'estate del 2010, hanno dato vita circa un anno dopo ad altri due nuovi itinerari, sempre nello stesso settore della Rocca dei Campanili (Mongioie). Le vie si chiamano "Due bottoni nel pozzo" e "Afa".

Date un'occhiata voi stessi alla RELAZIONE.

   

Nuova via sulla Punta Maladecia

maladeciaE' di pochi giorni fa la notizia che è stata aperta una via sulla Punta Maladecia in alta valle Stura, sopra il Santuario di Sant Anna di Vinadio, ad opera di Igor Napoli, Diego Fiorito e Mauro Costamagna. La via vi porterà dritti in punta alla Maladecia con i suoi 6 tiri.

Per tutte le altre info date un'occhiata alla RELAZIONE.

   

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL