Vai al contenuto


Costabella del Piz da Pietraporzio


  • Per cortesia connettiti per rispondere
3 risposte a questa discussione

#1 dieghi

dieghi

    Admin - Webmaster

  • Root Admin
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4998 Messaggi:

Inviato 04 March 2013 - 06:33 PM

Saliti venerdì sotto una fitta nevicata, ci siamo fermati a 200 metri dalla vetta, sotto il pendio ripido finale, per problemi di visibilità e per il quantitativo di neve scesa (e visto poi quante slavine si sono staccate il giorno dopo tanto male non abbiamo fatto).

Giornata divertentissima su neve super.

qui il risultato



#2 inox

inox

    Utente attivissimo

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 472 Messaggi:
  • Memento Audere Semper

Inviato 27 January 2014 - 02:35 PM

Salito sabato alla Costabella.
In confronto alle nostre valli del Po, a Pietraporzio neve in grosse q.tà.

Giornata fresca ma poco vento.
Nella parte bassa ottima traccia e bella neve farinosa.
Dalla cima siamo scesi su neve variabile dalla farina ad una crosta non sempre sciabile.
Ci siamo poi tenuti a sx scendendo e valutate le condizioni abbiamo sceso il bel ripido pendio (sui 35 iniziali) che butta diretto nel vallone del Piz, dove passa itinerario per Ischiator.
Anche qua neve di diversi tipi, a tratti bella ma sconsigliata per neofiti.
Qualche placca da vento mi ha tenuto poi bello sveglio!
Gran ambiente, gita lunga e di buon spostamento complessivo.

Viste le prox nevicate in arrivo, questa rela servirà a ben poco.
Ad ogni modo la gita, visti i pendii che attraversa, richiede attenzione nella valutazione della sicurezza.

#3 dieghi

dieghi

    Admin - Webmaster

  • Root Admin
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4998 Messaggi:

Inviato 28 January 2014 - 06:15 PM

Bravo giovine! Anche io avrei voluto provare quel pendio che va nel vallone del Piz.

#4 dieghi

dieghi

    Admin - Webmaster

  • Root Admin
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4998 Messaggi:

Inviato 26 December 2016 - 11:19 AM

Salito il 24 dicembre. Strada fresata fino al pian della regina, poi neve appena sufficiente a salire nel bosco con pietre affioranti sotto le piante. Da 2000m in su buon fondo e ottima farina all'ombra fino in punta. Scesi dal pendio N diretto dalla cima e poi nel vallone della MirÓ (parte alta farina, parte bassa pesante e svalangata nel tratto finale). Consiglio a chi vuole scendere l'itinerario classico di attendere una nevicata che sistemi la parte bassa. Buone Feste




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi