Vai al contenuto


neve grassa


  • Per cortesia connettiti per rispondere
5 risposte a questa discussione

#1 pasupà

pasupà

    Utente Cyborg

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5244 Messaggi:

Inviato 21 May 2009 - 05:16 PM

Nessun scialpinista del nostro forum ha riscontrato il problema della neve grassa che si discute sui vari forum??

http://www.gulliver....c.php?f=6&t=539

La cosa mi sembra interessante e alquanto misteriosa,se non inquietante..

#2 s111887

s111887

    Utente sconvolto

  • Moderators
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4862 Messaggi:

Inviato 21 May 2009 - 11:25 PM

curioso..

#3 s111887

s111887

    Utente sconvolto

  • Moderators
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4862 Messaggi:

Inviato 21 May 2009 - 11:29 PM

ecco una foto postata su www.lafiocavenmola.it della sostanza grassa che molti sciatori si sono trovati sotto li sci..

Immagine inserita

#4 inox

inox

    Utente attivissimo

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 472 Messaggi:
  • Memento Audere Semper

Inviato 22 May 2009 - 10:08 AM

Visualizza Messaggios111887, il May 22 2009, 00:30, ha scritto:

ecco una foto postata su www.lafiocavenmola.it della sostanza grassa che molti sciatori si sono trovati sotto li sci..

Immagine inserita


L'abbiamo trovata anche io e Alberto scendendo dal colle Luisas. Ci ho messo 30' a pulirla a casa e non so adesso quale condizione di "scivolamento" abbiano gli sci.... Effettivamente non mi era mai successo!

#5 Luca1983

Luca1983

    Utente mooooolto affezionato

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1048 Messaggi:

Inviato 28 May 2009 - 11:53 AM

Nelle ultime due settimane sono state registrate numerose segnalazioni nel quale si sottolineava che in varie zone delle Alpi Occidentali (torinese e cuneese) la neve lasciava sugli sci “uno strato di sostanza collosa, bituminosa, nera”. Per pulire gli sci è necessario ricorrere a solventi chimici. Questo fenomeno ha creato un allarme diffuso, ripreso dalla televisione nazionale e dai blog nei quali sono state fatte le ipotesi più disparate (“allo scarico in quota di carburante da parte di aerei in difficoltà” oppure “residui di petrolio trasportati dal vento di origine africana e mischiati alla sabbia che l’hanno reso oleosa”).

Il Dipartimento Arpa di Cuneo ha provveduto ad effettuare due campioni di neve, uno in alta valle Stura di Demonte - Colle della Maddalena e l’altro in una località in prossimità del Colle Tenda in Valle Vermenagna, dove il fenomeno appariva più consistente. I campioni sono stati sottoposti ad analisi di tipo chimico e biologico. I primi risultati delle analisi chimiche, che nell’ambito degli scopi istituzionali di Arpa Piemonte sono indirizzate alla determinazione dei composti connessi all’inquinamento di origine antropica, non hanno evidenziato anomale presenze di inquinanti organici ed inorganici.

L’analisi microscopica della parte solida (in sospensione) contenuta nei campioni di neve ha invece evidenziato la dominante presenza di cellule di origine vegetale o comunque naturale. In particolare eccezionalmente numerosa era la presenza di granuli pollinici (una dominanza di Larice nel campione della Valle Stura mentre in Valle Vermenagna erano presenti anche pollini di altre specie vegetali ed una discreta presenza di alghe - Cloroficee e Cianobatteri).

Si tratta quindi, con ogni probabilità di un fenomeno assolutamente naturale, che negli anni scorsi non appariva in quanto la ripresa vegetazionale, coerente con la stagione primaverile avanzata, non avveniva con la neve al suolo e quindi queste sostanze si disperdevano sul terreno. L’eccezionale presenza di neve a quote relativamente basse in questa stagione ha portato alla rilevazione del fenomeno da parte di chi pratica lo sci-alpinismo.

Recentemente sono state anche avvistate chiazze di colore giallo sul lago Maggiore. Precisamente di fronte alla costa del comune di Cannero. Si tratta di polline del genere Pinus (famiglia delle Pinaceae). Tale tipologia di polline ha l’andamento crescente e il massimo stagionale in corrispondenza del mese di maggio. Dall’esame della concentrazione (numero di granuli di polline per metro cubo d’aria) e dell’andamento studiato dal 1° al 25 maggio 2009, si denota che il genere Pinus ha registrato i massimi livelli il 20 maggio (190,61 granuli per mc d’aria) e il 22 maggio (156,80 granuli per mc d’aria). Tali dati ne giustificano la diffusa presenza in ambiente acquatico.
pas bon grimpeur !

#6 SteManto

SteManto

    Utente affezionato

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 668 Messaggi:

Inviato 28 May 2009 - 03:09 PM

interessante bravo Luca :lentiacontatto-01:




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi