Venerdì, Dicembre 06, 2019

Sestogrado

Relazioni Alpinismo

VALLE STURA

VALLE GESSO

VALLE GRANA

VALLE MAIRA

VALLE MAUDAGNA

VALLE PESIO

VALLE PO

VALLE VARAITA

VALLE D'AOSTA

PROVINCIA DI TORINO

Alpinismo

Nuova via di misto sul Mondolè

tana lupoMatteo Canova e Alberto Fantone hanno aperto oggi una  nuova via di misto sulla Balcunera del Monte Mondolè in Val Maudagna. Facile avvicinamento dagli impianti e perfetta in questi inverni secchi.

Relazione della via LA TANA DEL LUPO

 

Nuova via di misto sull'Asta Sottana

asta sottanaIl 06/01/2019 Nicola Marchisio e Michele Perotti hanno aperto 'Hai visto che Asta?', una nuova via di misto sulla parete nord-est dell'Asta Soprana nelle Alpi Marittime.

850mt - IV- D+ - WI3 M

A questo LINK potete trovare un ampio reportage su questa fantastica prima salita.

   

In solitaria sulla Nord del Marguareis

roseL'11 dicembre 2018 Enrico Sasso ha aperto in solitaria "Rose", una  nuova via di misto sulla parete  nord del Marguareis, nelle Alpi Liguri.

A questo LINK potete trovare l'esaustivo articolo su Planetmountian di questa stupenda avventura alpina.

   

Richiodatura soste su Baltzola e Diedro Calcagno

castelloIl 20/08/2018 Luciano Orsi e Valter Galizio hanno provveduto a rinnovare le soste sui primi tre tiri della Balzola con soste ad anello e catena tutto Inox, il materiale in loco erano dei tasselli Fixe gialli;  purtroppo l’acciaio del tassello era un acciaio al piombo non adatto per lavori strutturali (una martellata son volati via tutti), materiale molto fragile con scarso allungamento e con un carico di rottura intorno ai Kg.1.800 (da nuovo). Il tassello Inox ha un carico di rottura superiore ai Kg. 2.900 con una durata agli agenti atmosferici di diverse generazioni (l’Inox esiste solo da un centinaio di anni) e può anche darsi che duri diverse centinaia di anni; per il momento, non lo sappiamo ancora, bisognerà aspettare, i risultati che ci sono stati fin’ora sono stati più che ottimi. Al mare e un discorso totalmente diverso è un po' come essere su due pianeti diversi.

Hanno messo tre soste sulla Balzola e uno spit segnavia sul traverso.

Sosta alla base del diedro Calcagno con due spit nuovi da collegare, non hanno messo la catena in modo da non indurre la discesa sulla verticale perché sotto non ci sono calate; dalla sosta successiva si arriva sulla sosta della Balzola. Le tre soste seguenti sono con anello e catena, la penultima sosta è stata spostata di 5 metri più in alto su un comodo terrazzino, l’ultima su un pulpito che da verso il canale di discesa. In caso di temporale a metà via si può scappare senza grandi problemi.

Ripulita la sosta vecchia dai cordoni che sono veramente orrendi da vedere. 

Le vie tranne le soste rimangono ovviamente a chiodi. 

 

   

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Dai il tuo contributo!